Intervalli
Se la Nota è il mattone della musica, l'Intervallo è il collante con cui si costruiscono scale ed accordi. Non si tratta di imparare a memoria i 12 possibili intervalli, ma di comprenderne il meccanismo ed il linguaggio.

L'intervallo diatonico

Prendiamo due ottave della Scala Diatonica Naturale: DO, RE, MI, FA, SOL, LA, SI, DO, RE, MI, FA, SOL, LA, SI, DO.
Ogni nota è come un gradino. La distanza tra due note qualsiasi di questa scala è chiamato Intervallo Diatonico.
DO
RE
MI
FA
SOL
LA
SI
DO
RE
MI
FA
SOL
LA
SI
DO
Due note contemporanee...Producono un intervallo diatonico di...perchè alla distanza di...
DO-RE, RE-MI, MI-FA, FA-SOL, SOL-LA, ecc.Seconda2 gradini
DO-MI, RE-FA, MI-SOL, FA-LA, ecc.Terza3 gradini
DO-FA, RE-SOL, MI-LA, ecc.Quarta4 gradini
DO-SOL, RE-LA, MI-SI, FA-DO, SOL-RE, ecc.Quinta5 gradini
DO-LA, RE-SI, MI-DO, FA-RE, SOL-MI, ecc.Sesta6 gradini
DO-SI, RE-DO, MI-RE, FA-MI, ecc. Settima7 gradini
DO-DO, RE-RE, MI-MI, ecc. Ottava8 gradini
L'intervallo diatonico indica quindi il numero di note appartenenti alla medesima scala TTSTTTS che si contano dalla nota di partenza a quella di arrivo.
Attenzione quindi a non confondere l'intervallo diatonico tra due qualsiasi note della scala con il grado della nota, cioè con la posizione della nota rispetto alla fondamentale della scala.
Il concetto di intervallo diatonico non è specifico della Scala Diatonica Naturale, ma vale per qualsiasi scala costruita sul modello TTSTTTS.
Ad esempio, a partire da un LA si può costruire sul modello TTSTTTS la Scala di LA Maggiore: LA, SI, DO#, RE, MI, FA#, SOL#, LA.
Le note sono i gradini di questa scala.
LA
SI
DO#
RE
MI
FA#
SOL#
LA
SI
DO#
RE
MI
FA#
SOL#
LA
Due note...Producono un intervallo diatonico di...perchè alla distanza di...
LA-SI, SI-DO#, DO#-RE, RE-MI, ecc.Seconda2 gradini
LA-DO#, SI-RE, DO#-MI, MI-FA#, ecc.Terza3 gradini
LA-RE, SI-MI, DO#-FA#, RE-SOL#, ecc.Quarta4 gradini
LA-MI, SI-FA#, DO#-SOL#, RE-LA, ecc.Quinta5 gradini
LA-FA#, SI-SOL#, DO#-LA, RE-SI, ecc.Sesta6 gradini
LA-SOL#, SI-LA, DO#-SI, RE-DO#, ecc. Settima7 gradini
LA-LA, SI-SI, DO#-DO#, RE-RE, ecc. Ottava8 gradini

Intervallo cromatico

i semitoni L'intervallo cromatico, o semplicemente Intervallo, è il numero di toni e semitoni tra una qualsiasi nota ed un'altra.
E' quindi sufficiente contare il numero di tasti, neri e bianchi, tra le due note per calcolare l'intervallo: ogni tasto è un semitono ('S'), e due semitoni fanno un tono ('T').
La seguente tabella riassume tutti i possibili intervalli tra DO e una qualsiasi altra nota
NOME INTERVALLODISTANZA IN TONI E SEMITONI
I(Tonica)UnisonoDO, è la nota stessa, non un vero intervallo
IImSecondaMinoreREb, 1 semitonoS, il tasto immediatamente successivo
II(SopraTonica)Maggiore
o semplicemente Seconda
RE, 1 tonoT, due tasti di distanza
IIImTerzaMinoreMIb, 3 semitoniT+S
III(Mediante)Maggiore
o semplicemente Terza
MI, 2 toniT+T
IV(SottoDominante)Quarta perfetta, o semplicemente QuartaFA, 2 toni e mezzoT+T+S, cinque tasti dalla prima
IV+
V-
Quarta Aumentata o
Quinta Diminuita
SOLb, 3 toniT+T+T
V(Dominante)Quinta perfetta, o semplicemente quintaSOL, 3 toni e mezzoT+T+S+T, sette tasti dalla prima
V+
VIm
Quinta Aumentata o
Sesta Minore
SOL#, 4 toniT+T+T+T
VI(SopraDominante)Sesta naturale, o semplicemente SestaLA, 4 toni e mezzoT+T+S+T+T
VIImSettimaMinoreSIb, Cinque toniT+T+T+T+T, due tasti prima dell'ottava
VII(Sensibile)Maggiore, o semplicemente SettimaSI, cinque toni e mezzoT+T+S+T+T+T, il tasto immediatamente precedente all'ottava
VIIIOttavaIl DO sull'ottava successiva, a cui si arriva con 6 toni interi
La tabella fa riferimento alle note della Scala Diatonica Naturale al solo scopo esemplificativo, perché il concetto di intervallo è generale e si applica tra due note qualsiasi del nostro sistema musicale. Ad esempio, tra MI e SOL# si contano due toni, e per questo è un intervallo di terza maggiore.
MI
S
S
S
S

Conclusioni

Non si tratta di memorizzare tutti questi intervalli, ma solo di comprendere il principio di classificazione e di non confondere l'intervallo diatonico, definito all'interno di una specifica Tonalità, con il più generale intervallo cromatico.
Il termine "diatonico" indica che l'unità di misura è il numero di note all'interno della scala TTSTTTS, e non il loro intervallo in termini di toni e semitoni.
Per chiarire questo concetto, considerare ad esempio la quarta diatonica LA-RE (LA-SI-DO#-RE) della Scala di LA Maggiore. L'intervallo tra le due note è T+T+S=due toni ed un semitono, quindi secondo la classificazione della tabella, un intervallo di quarta naturale (IV).
Allo stesso tempo anche RE-SOL# (RE, MI, FA#, SOL#) è una quarta diatonica della stessa Scala LA Maggiore, ma in questo caso l'intervallo risulta T+T+T=tre toni, che cromaticamente è un intervallo di quarta aumentata o IV+ (vedi Sviluppo modale).
Nella pratica è necessario saper rispondere a domande del tipo "Quale è la sesta diatonica di MIb? Che intervallo è DO#-LA? Quale è la quinta discendente di SIb?". Se si tratta di note relativamente vicine, la risposta può essere quasi immediata, a vista, altrimenti l'operazione diventa più complicata; ma applicando una semplice regola, derivata da un'idea di Pitagora, la complessità si riduce sensibilmente (vedi Regola del Nove).
TTSTTTS è un modello di ottava: a partire dal primo tasto a sinistra, dopo aver raggiunto seguendo gli intervalli TTSTTTS l'ottava -nota con lo stesso nome, a frequenza doppia- è possibile continuare con i medesimi intervalli TTSTTTS per costruire l'ottava successiva, e così via fino a raggiungere l'ultimo tasto, come se la tastiera si potesse rappresentare con la stringa TTSTTTSTTSTTTSTTSTTTSTTSTTTS.... E' però più conveniente immaginare una disposizione circolare delle note (vedi Circolo delle Quinte).


Approfondimenti ed Argomenti correlati

sviluppomodalepatternscircolopatternpattern_tonali

Skip Navigation Links
PIANO TRAINERExpand PIANO TRAINER